Per tutti gli altri, invece, ci sono innumerevoli vantaggi di cui si può beneficiare sbattendosene totalmente le palle di ciò che pensano le altre persone. Cose alle quali tenevi tanto, come un'esperienza all'estero, un viaggio, un nuovo lavoro, conoscere nuove persone e coltivare diversi interessi. Non dare peso alle cattiverie espresse dagli altri, perché non serve a nulla e non sono certo costruttive. COME NON DARE PESO AL GIUDIZIO DEGLI ALTRI Un grandissimo scrittore che ha avuto il merito di farci scoprire nelle viscere e nella sua profondità l’America contemporanea, con uno dei suoi libri più famosi, Pastorale americana, e che ci ha portato, dall’alto dello sguardo della letteratura, nel labirinto dell’intimità dell’uomo. Quando ero piccola mi ricordo che ero una bambina, forse timida, ma sapevo cosa volevo, quando giocavo avevo fantasia e proponevo le varie situazioni o storie da inventare. Eppure capita! Il che, se ci rifletti bene, è quantomeno ridicolo e poco confortante. Invidia, tutti siamo a rischio. NOn bisogna darci peso, purtroppo spesso sono gli altri che danno peso al giudizio che altri ancora danno di noi Se pensi a quello che pensano gli altri, allora vuol dire che gli stai dando peso. PER APPROFONDIRE: Invidia, tutti siamo a rischio. È umano nella vita dare peso e importanza al giudizio degli altri, l’importante è non esagerare, a meno che lo scopo della propria vita sia partecipare al Grande Fratello.. E’ molto comune in ognuno di noi e si manifesta con un sottile e pervasivo disagio che ci limita nelle scelte e nell’interazione con gli altri. «Quello che pensa la gente? Perfino una cosa banale, come scegliere che tipo di scarpe indossare, allora può diventare un problema. Beh ti dico una cosa, se dai peso a ciò che pensano gli altri è perchè non credi in te stessa. La rimpiangerai nel tempo. Nessuno sbagliato, nessuno noioso, nessuno inutile. E questa riflessione non si applicava solo rispetto a chi utilizza la maldicenza come strumento per demolire il prossimo, ma anche a chi tanto si affatica per apparire, per conquistare empatia, tra la gente appunto, dimenticando l’essere e lasciandosi travolgere dalla spirale del narcisismo. Non lasciare che le opinioni degli altri ti impediscano di fare quello che ti piace. Se davvero non vuoi dare peso a ciò che gli altri pensano di te, devi ricordarti che, come dice Taylor Swift, lo scopo degli haters è proprio quello di odiare (“Gli haters gonna hate, hate, hate…”) e che non c'è niente che tu possa fare per evitarlo. Ti sei sentito bloccato dal giudizio altrui, troppo dipendente dal fatto di non voler deludere nessuno, dalla paura di arrecare un dispiacere. È stato uno degli input che mi ha spinto ad aprire … Nonostante ciò la paura del giudizio degli altri rimase per diverso tempo il mio malefico tallone di Achille. Spero di averti aiutato. E come ne possiamo uscire? E come ne possiamo uscire? Lo accettiamo come se fosse una parte effettivamente indispensabile nella nostra vita, per cui tendiamo ad uniformare comportamenti, gusti e interessi, sperando che non diano troppo nell'occhio. Dal momento tutti noi viviamo in un contesto sociale, ed abbiamo bisogno di relazionarci ed essere a contatto con dei nostri simili è naturale tenere in considerazione le opinioni che gli altri hanno di noi. Il rischio - e sono sicuro che su questo punto sarai d'accordo con me, perché ti sarai trovato nella situazione - è quello di fare moltissime rinunce, di non poter inseguire i propri sogni, di adottare continuamente un punto di vista altrui, limitando la propria vita a delle possibilità concesse solo in relazione alle reazioni altrui. Ti vedo lì davanti allo schermo che scuoti la testa e dici: “macché, io proprio no, non giudico mai!”. Come la rabbia può essere d’aiuto? Ora chiudi gli occhi per un istante e prova a immaginare come potrebbe essere la tua vita senza questo tarlo che ti rode dentro, senza questo peso sulle spalle che ti costringe a piegarti. Nulla. È così alla fine che tendiamo a uniformarci... il caso più macroscopico è quello del modo di vestire. Alla base c’è la paura del rifiuto, di essere inadeguati e di essere emarginati dal gruppo . 1. Il lavoro intensivo su me stesso mi ha permesso di liberarmi di numerose limitazioni. Crescendo ho cominciato a sentire il peso dei giudizi degli altri … L’epilogo di una sfida personale durata un decennio. Come non dare peso al giudizio degli altri, come affrontare questa paura? Il rimedio? Oggi parliamo di stima di se stessi e quindi della paura del rifiuto che significa sempre paura del giudizio degli altri.. Avere una buona autostima significa imparare a comprendere il tuo valore anche se è negativo il parere che gli altri hanno di te.. Il giudizio emesso in quell'istante potrebbe avere un po' di ripercussioni, ma ha la stessa durata di un temporale estivo. La preoccupazione sul giudizio altrui è sopravvalutata in ogni caso. Non c’è modo migliore di preoccuparsi meno dei giudizi degli altri che analizzare i propri di giudizi espressi verso gli altri, tale ribaltamento di visuale aiuta a comprendere se stessi e gli altri. Ogni giorno la nostra giornata è scandita dal giudizio altrui. Il timore del giudizio degli altri è anche uno dei motivi per cui rimandiamo scelte importanti per la nostra vita. Non pensare che succeda dall'oggi al domani! Proprio l’uso del tempo ha rappresentato una delle costanti nella narrazione di Roth, quel tempo che così spesso ci sfugge e non riusciamo ad afferrare. Per alleggerire il tema, iniziamo ad affrontare la paura del giudizio degli altri attraverso alcune critiche frasi sul giudicare coniate da illustri personaggi, con l’augurio che possano darti la giusta carica giusta per affrontare i tuoi timori. Nessuno lo meritava più di lui. Da Schopenhauer alla psicologia moderna: la paura degli altri. Devi andare oltre, devi rialzarti e costruire una nuova relazione con te stesso, basata sulla tua capacità di modificare la tua giornata così da cambiare questo modo di fare. Tutti noi, ad un certo punto della nostra vita, siamo stati colpiti da qualcosa che qualcun altro ha detto di noi. Per tanto tempo hai provato a liberarti del peso angosciante del giudizio altrui, ma sul più bello sei stato tradito/a dall'insicurezza, dal senso di colpa, dalla bassa autostima, dalla paura di ferire le persone a te care. Un’ultima considerazione: il Premio Nobel è stato travolto dagli scandali sessuali, tanto che l’edizione 2018 non è stata assegnata. Il giudizio altrui è sopravvalutato e non dovrebbe mai rappresentare un freno, soprattutto se devi prendere delle decisioni importanti che avranno delle ripercussioni sulla tua vita. La paura del giudizio degli altri colpisce sia gli introversi che gli estroversi. Seguire Dante: Non ti curar di loro, ma…”, «È l’altruismo che migliora il mondo, proviamoci» Peter Singer, La Terra e il mare non si difendono stando seduti in poltrona (Folco Quilici), Il perdono migliora la vita (Daniel Lumera), Se avesse solo chinato il capo, l’uomo non avrebbe mai conquistato nulla (Antonio Monda), La vera libertà risiede nel dubbio (Michel De Montaigne), Perché siamo attirati dal gioco d’azzardo (Natasha Dow Schull), L’industria del riciclo salvera’ l’Europa dalla crisi economica, Discrezione, un modo per rispettare gli altri e per non cedere al nostro narcisismo, I nipoti di Babbo Natale, centinaia di persone fanno un regalo a nonni rimasti soli, Spegni sostenibile: al via la campagna di riciclo dei mozziconi nei centri commerciali, Libri sottolineati: su Instagram il progetto per avvicinare alla lettura e riflettere sulla forza delle parole, Pranzo di Natale, i consigli per stare sicuri. Il tuo giudizio negativo, può farti molto più male di qualsiasi altro giudizio che provenga dall’esterno. Una prospettiva migliore affinché tu possa reagire positivamente e dare meno peso al “cosa pensano gli altri” Quando al “so chi sono” aggiungi il “so do devo andare” ti si apre davanti un nuovo mondo. Non sei il solo a dare troppo peso al giudizio altrui. Iniziamo con uno dei più bei aforismi su chi giudica, pronunciato dal Re Federico il Grande: Anche un genio come Albert Einstein si è espresso sull’argomento: Stessa lunghezza d’onda per Jean de La Bruyère: Da citare anche questa splendide parole sulla vita di Paulo Coelho: Pung… Per non sentirti in gabbia e non avvertire tutto come pesante e privo di senso. Il rimedio? porre fine noi per prime al giudizio. Durante una lunghissima carriera letteraria Philip Roth, morto a Manhattan a 85 anni, ha pubblicato 30 libri, in tutto il mondo. La vanità, i sensi di colpa, l'autocompiacimento ti spingono alla ricerca del giudizio altrui, ma contemporaneamente sei poco disposto a modificare il tuo metro di giudizio. All Rights Reserved. Il giudizio altrui opera però in modo più subdolo perché può non assumere la forma della pressione collettiva, ma rimanere limitato ad ambiti ristretti che per la loro importanza, sono in grado di esercitare lo stesso tipo di pressione agendo sui sensi di colpa, sui rimorsi, sulla vanità, sul desiderio di non voler deludere troppo le aspettative altrui. Sì, hai capito bene! Come smettere di cercare l’approvazione degli altri e vivere felici Dare troppo peso alle opinioni di accettazione o critica ci rende miopi nei confronti di noi stessi e dei nostri sentimenti. Sono sicuro che ti sei già trovato in questa situazione. Intanto bisogna prendere consapevolezza del fatto che chiedersi sempre se ciò che facciamo o diciamo può piacere o meno agli altri, non è un fatto positivo. ... o il film da andare a vedere al cinema. Del suo rapporto, perennemente irrisolto, con il sesso, delle sue passioni, anche malvagie, dell’eterna sovrapposizione, nella stessa persona, del bene e del male. Tuttavia, non lasciarti trasportare troppo dalle negatività. Buona sera, ho un problema che non so come risolvere. Il giudizio altrui, insomma, pesa tantissimo e certe volte non sappiamo spiegarci nemmeno il perché. Come non curarsi del giudizio altrui, fai ciò di cui vai fiero, ... il giudizio degli altri acquisisce potere solo se siamo noi a dargli importanza. Medico degli astronauti dal 2000 al 2007, autore Bestseller, ideatore del Metodo Ongaro® e ambasciatore Still I Rise, Come non dare peso al giudizio degli altri e vivere felici. Un mondo che ti porterà successi e fallimenti ma in cui sarai libero … ed è questo ciò che conta!!! E per farlo devi cominciare a camminare a testa alta, e autoconvincerti che agli altri piaci.. e che a chi non piaci non è un problema tuo ma loro! E che, a conti fatti, è molto fragile. E di conseguenza finiamo per perdere di vista i fondamentali di una vita intensa e felice perché continuiamo a considerare importanti solo le cose dalle quali potrebbe dipendere un giudizio positivo degli altri. E’ davvero possibile liberarci dalla paura del Giudizio altrui? Lavora piuttosto sulla tua stima. Probabilmente ci è stato consigliato che dovremmo fregarcene, e lo sappiamo anche noi, ma non riusciamo a farlo: quello che l’altro pensa e dice ha un impatto su di noi, ci tocca. Inoltre spesso le nostre azioni vengono giudicate dagli altri e questa consapevolezza ci condiziona più di quanto dovrebbe. Ovviamente c'è un modo di essere se stessi anche di fronte a tanti e c'è un sistema virtuoso di operare delle scelte, e conseguentemente svolgere delle azioni, che faccia a meno di questa continua sete di conferme. Il rovescio della medaglia è che così facendo attribuiamo alle nostre scelte un'importanza eccessiva! Paura del giudizio degli altri- 3 suggerimenti pratici per liberarsene La paura del giudizio degli altri è una questione di bassa autostima!. Se vuoi liberarti dal peso del giudizio degli altri, allora smetti di giudicare tu stessa! Ed è anche in queste piccole e insignificanti cose, che pure ci impegnano per ore, che si nota quanta importanza ha il giudizio altrui. Se pensi in maniera distaccata alla questione, alla fine ti renderai conto che l'idea degli altri non influisce veramente sulla tua vita. Impegno puntualmente mantenuto. come non dare peso al giudizio altrui? Vivrai una vita fatta di non-scelte. LEGGI ANCHE: Prigionieri del presente, come siamo finiti in questa trappola. E in questo caso non positivamente. Con l’arrivo della vecchiaia forse il maestro aveva paura di non essere all’altezza dell’autore che ha fatto sognare intere generazioni di lettori in tutto il mondo. Contemporaneamente hai svalutato talmente tanto il tuo giudizio, che hai rinunciato a fare delle cose per paura di non deludere gli altri. Gli equilibri sono sempre delicati. Credere in se stessi! Le parole possono essere offensive e farci sentire impotenti e vulnerabili. Quindi cosa fare? Se analizzi bene queste situazioni tipiche ti accorgerai che a nessuno frega veramente di ciò che fai. E così Roth ha dedicato l’ultima parte della sua vita all’osservazione pura, alla lettura (in particolare gli piacevano le biografie), al cinema, del quale era molto competente. Un grandissimo scrittore che ha avuto il merito di farci scoprire nelle viscere e nella sua profondità l’America contemporanea, con uno dei suoi libri più famosi, Pastorale americana, e che ci ha portato, dall’alto dello sguardo della letteratura, nel labirinto dell’intimità dell’uomo. Ma lo scandalo maggiore in questi ultimi anni è stato uno solo: non assegnare il Nobel della Letteratura a Philip Roth. Il problema è dare a questi giudizi il giusto peso. La sua leggerezza lo ha portato, per esempio, a scolpire in questa frase la risposta più efficace e anche più adeguata al cicaleccio della gente che vuole sempre dire l’ultima parola. Per cui, quando ti sentirai frenato dalla possibilità di non venir capito, apprezzato, dalla paura di apparire troppo eccentrico, troppo indipendente di pensiero prova ad estraniarti da questa cornice di pensiero e concentrati sulle ragioni della tua scelta. Questa pressione psicologica è così schiacciante che tende a comprimere le nostre scelte, validando dei comportamenti e delle azioni che vengono ritenuti corretti (e quindi passabili socialmente) solo perché adottati da più persone. Per tanto tempo hai provato a liberarti del peso angosciante del giudizio altrui, ma sul più bello sei stato tradito/a dall'insicurezza, dal senso di colpa, dalla bassa autostima, dalla paura di ferire le persone a te care. Se c’è una cosa che ho imparato in questi anni di auto-analisi e wikiHow, è che qualsiasi problema che abbiamo, nasce molto spesso dalla nostra paura del giudizio degli altri (o, in qualche modo, è legato a questo tema). Altri ancora hanno il terrore del rifiuto, che non viene considerato se non un giudizio negativo su di sé da parte di un’altra persona.. E poi ci sono le donne che non esprimono al 100% se stesse proprio perché temono di essere giudicate come donne facili, disperate, superficiali, leggere, volgari…. Non Vuoi Perire Di Spada? Gli individui tendono a vedere il mondo con i propri occhi e razionalizzano le decisioni e i punti di vista altrui secondo schemi mentali propri, ai quali sono molto affezionati. Se ci pensi bene, questo meccanismo è presente ovunque e si ripercuote anche nel modo in cui sono organizzati i social media, che si basano proprio sulla continua necessità di conferme. La mattina ci alziamo e misuriamo le nostre interazioni, adottiamo comportamenti in linea con la massa, ci muoviamo secondo delle aspettative che spesso sono dettate dagli altri. Scopri come è nata la paura del giudizio degli altri. Come accettare il giudizio degli altri (senza lasciarsi condizionare) 17 Giugno 2019 Commenti disabilitati su Come accettare il giudizio degli altri (senza lasciarsi condizionare) Studiare a Roma 1. Prigionieri del presente, come siamo finiti in questa trappola. I consigli per non dare peso al giudizio degli altri ed essere felice. Spostando il discorso su aspetti più importanti della vita, si capisce quanto questa forza possa costringerci a fare cose che non vogliamo o a non fare delle cose che abbiamo in mente da tempo. Spesso, anche se ci costa ammetterlo, il giudizio degli altri ci condiziona. Tavoli da quattro, e niente baci e brindisi, Biscotti in barattolo: la ricetta di un regalo di Natale originale, davvero speciale, Lavastoviglie: come usarla correttamente, anche per risparmiare sui costi dell’energia elettrica, Don Corrado, il “cardinale dei poveri”. E quanto le nostre scelte ne sono condizionate? Secondo la psicologia, la paura del giudizio degli altri è una forma di ansia sociale. – associa dolore al fatto di farti condizionare dal giudizio degli altri, immagina cosa perderesti se non Affermi te stesso/a, se non ti dichiari per Come sei Veramente, se non Esprimi le tue Emozioni e le tue Idee riguardo a qualcosa, ci perderai tu e ci perderanno gli altri In tutto ciò c'è una forte componente psicologica, emotiva, di vera e propria pressione, che gli psicologi del comportamento chiamano "riprova sociale", secondo la nota definizione data per prima dal professor Robert Cialdini. Badateci il meno possibile» diceva Roth. Seguire Dante: Non ti curar di loro, ma…”. Se la tua scelta può essere messa in discussione dal giudizio altrui, vuol dire che non è veramente una tua scelta. Come non preoccuparsi del giudizio degli altri Se hai bisogno del giudizio positivo degli altri (i tuoi collaboratori, colleghi, amici) è un chiaro segno che devi lavorare sulla tua autostima. Liberarsi dalla paura del giudizio degli altri significa liberarsi delle pietre che portiamo nel nostro zaino, quotidianamente; altrimenti è come camminare con addosso un peso notevole e inutile che rallenta il nostro percorso di vita. Non devi mai dimenticare che il loro giudizio è, e resta sempre e comunque, un’opinione, un punto di vista soggettivo. Come smettere di preoccuparsi del giudizio degli altri. Del tempo che passa e consuma non solo il corpo, ma anche la mente. Copyrights © 2018 NONSPRECARE. Che non significa frivolo o superficiale, ma imparare dare il peso giusto alle cose. Personalmente, dare il giusto peso a quanto gli altri possano pensare di noi , regala grandi soddisfazioni e si evita di sprecare energie prezioseda impiegare in attività che possono migliorare la qualità della nostra vita. Ma il fatto che può sorprendere è che se avessimo un minuto per riflettere a mente fredda su tante cose che facciamo, ci renderemmo conto che se fosse per noi non le faremmo affatto. È assolutamente normale. 05-10-2018, 18:45 Iniziamo cercando di capire cosa si intende e si cela davvero dietro alla paura del giudizio degli altri. Tutti noi, almeno una volta nella vita, ci siamo chiesti come accettare il giudizio degli altri.. Ciò ti condurrà a comprendere come non dare peso al giudizio degli altri. Ti offendi perché dai tu il permesso di farlo. Così la seduzione va a farsi friggere, altroché. Vediamone dieci, giusto perché mi piacciono i numeri tondi. Non c'è niente di male nel dare importanza alle cose e alle persone. Ancor prima di Maslow, l’antico filosofo greco Aristotele affermò che… l’uomo è un animale sociale, ovvero tende per sua natura ad aggregarsi con altri individui e a costituirsi in società. In conclusione, quando non diamo peso al giudizio … TUTTI MA PROPRIO TUTTI SIAMO GIUDICATORI E GIUDICATI anche quando non ce ne accorgiamo e siamo sottoposti a continuo GIUDIZIO ….ecco questo non possiamo modificarlo, quello che possiamo modificare invece è COME REAGIAMO AL GIUDIZIO DEGLI ALTRI e come possiamo … Sono da 10 anni che non sono e non mi sento me stesso..ho sempre badato agli altri e alle decisioni che prendevano gli altri per me,dando delle giustificazioni a me stesso…alla fine innocque e subdole….non riesco ad essere vero nemmeno piú con me stesso….ho sempre paura del giudizio degli altri e mi comporto come vorrebbero gli altri e non come vorrei io….non só piú che fare…: Una vita contro la povertà, per una Chiesa degli ultimi, Variante Covid-19, troppo inutile allarmismo. E quel tempo che lo aveva portato a 80 anni a dare un annuncio sconvolgente: «Mi ritiro, non scriverò più romanzi». Non sei il solo a dare troppo peso al giudizio altrui. Il punto è che però questo è in forte contraddizione con il desiderio di non deludere nessuno o di piacere a tutti. ... Ci vuole tempo per abituarsi a non dare troppo peso alle situazioni e alle persone. Quando dai peso e ascolto alle critiche che muovono nei tuoi confronti, ottieni come risultato il sentirti offeso.Come se quelle parole contenessero del vero! In questo periodo abbiamo visto, nel silenzio della sua auto-scomparsa, un Roth pensieroso, che ci ha lasciato alcuni spunti di riflessione al confine della filosofia. La paura del giudizio degli altri, 3 utili spunti di riflessione: Un aspetto importante da focalizzare, è che sei tu il primo a giudicarti! Sei offeso dal giudizio degli altri? Ecco 10 frasi per chi ha problemi a gestire il giudizio degli altri. Questi sono alcuni consigli su come gestire il giudizio degli altri al lavoro. Se sei interessato all’argomento, scarica gratuitamente e leggi l’e … Le persone dimenticano con una facilità imbarazzante. Vaccini non a rischio e mutazioni fisiologiche. È una lotta senza senso, che alla fine porta ad un'unica conclusione. Macedonia di frutta: la ricetta con le noci e la variante al rosmarino di un dessert perfetto anche a colazione, Foreste, ogni anno vanno persi 10 milioni di ettari con una grade dispersione di biodiversità. Buona lettura. La cosa assurda è che anche le persone che dovrebbero emettere giudizi negativi sulle tue scelte, stanno pensando la stessa cosa: cioè a quello che penserebbe uno come te. Metodi per non dare peso al giudizio altrui Sergio Langella.