(LA) « Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe 2. qui cum ueterem tum uolgatam esse rem uideam, dum noui semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi … 24 inceptu [...] exitu: si tratta di ablativi di limitazione. el escritor que se dedicar a la prctica historiogrfica: Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam ~ 63 ~ esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt (Praef. <> 22 Il congiuntivo esortativo “intendat” (da intendo, is, tendi, tentum, ere, “tendere verso, dirigere, rivolgere”) regge le interrogative indirette “quae vita”, “qui mores fuerint”, “per quos viros quibusque artibus domi militiaeque et partum et auctum imperium sit”; allo stesso modo “sequatur” (da sequor, eris, secutus sum, sequi, “seguire, tener dietro, passare a”)regge “velut desidentes primo mores [...], deinde ut magis magisque lapsi sint, tum ire coeperint praecipites”. Tito Livi1 Tito Livio, Libro I, Prefazione. [1] Se comporrò un’opera di valore, avendo raccontato per intero dall’inizio le vicende della città del popolo romano, né lo so per certo né, se lo sapessi, oserei dirlo, [2] perché mi rendo conto che l’argomento è tanto passato di moda quanto arcinoto, mentre gli storici moderni pensano sempre o di riportare qualcosa di più certo sui fatti o di superare nell’arte dello scrivere lo stile rozzo degli antichi. Il primo presagio, sei avvoltoi, si dice toccò a Remo. Tuttavia la tradizione medievale ne ha conservati per intero solo una piccola parte, vale a dire la prima, la terza, la quarta e metà della quinta decade: si tratta degli avvenimenti delle origini fino alla terza guerra sannitica del 293 a.C. (libri I-X) e di ciò che accade dalla seconda guerra punica al 167 a.C., con la conquista della Macedonia (libri XXI-XLV) Il resto dell’opera è oggi perduto ed è ricostruibile nei contenuti solo grazie alle Periochae, sommari scritti tra il III e il IV secolo sulla base di precedenti compendi. Full text of Ueber die Dreiteilung Furtum rei Ipsius, Furtum Lingua Latina. x��=ˎ$�����6]�:�d��X }��2��k[��{ȩ�5�5ݪ����)��o�-#�&���ʂ=��L>��x3�������?���w���j��woW�����o�7�a��ׯ̪�3+�Vm�V]k�ڭ~܅2����W�_���h���_�z�M]��ÿ�W�M��W^� ?-����Kx�m~��c�¿>��. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. <>/ExtGState<>/ProcSet[/PDF/Text/ImageB/ImageC/ImageI] >>/MediaBox[ 0 0 595.32 841.92] /Contents 4 0 R/Group<>/Tabs/S/StructParents 0>> Traduzione letterale Prefazione Ab Urbe condita - Tito Livio, Traduzioni di Lingua Latina . 6-7), per poi affermare di non tenerle in grande considerazione (par. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe quicum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. Traduzioni contestuali di "operae pretium" Latino-Italiano. endobj 21 Il termine “imperium”, qui tradotto genericamente con “dominio”, rimanda certamente anche al nascente impero fondato da Augusto. | No Comments. Segue poi la proposizione reggente, con un verbo all’indicativo presente (nec satis [4] Inoltre l’argomento comporta una fatica immensa, poiché risale a oltre settecento anni fa e poiché, partito da inizi modesti, è poi cresciuto così tanto che ormai collassa sotto il suo stesso peso. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi … 7 Livio è in questo caso volutamente ambiguo: “quae” si riferisce certamente all’argomento dell’opera, ma implicitamente allude anche alla città stessa di Roma, all’inizio piccola ma all’epoca dello storico soffocata dalla sua stessa grandezza. endobj Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. “Condendam” è un gerundivo e letteralmente significa “da fondare”. 15 augustiora: augustus, aggettivo connesso etimologicamente al verbo augeo, es, auxi, auctum, ere (“accrescere, aumentare, arricchire”) significa “venerabile, protetto dagli dei, sacro”. Latino Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam Italiano... Continua » error: Il contenuto è protetto ma puoi liberamente scaricare la traduzione in formato PDF usando il tasto sulla destra poco sotto il titolo della versione. 8 quin: “non dubito”, come tutte le espressioni che indicano dubbio e incertezza, regge una subordinata completiva al congiuntivo (in questo caso “praebitura sint”) introdotta proprio da “quin”. Adeo quanto rerum minus, tanto minus cupiditatis 29 erat. Romolo, Numa Pompilio, Tullo Ostilio, Anco Marzio, Tarquinio Prisco, Servio Tullio, Tarquinio il Superbo. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam… Categoria: Versioni Latino. Frasi Latino per domani. 14 ea:costitusce qui l’antecedente della relativa in prolessi “quae […] traduntur”; l’intera perifrasi si può tradurre in sintesi con “quelle leggende”. [4] Res est praeterea et immensi operis 6, ut quae 7 supra septingentesimum annum repetatur et quae ab exiguis profecta initiis eo creverit ut iam magnitudine laboret sua; et legentium plerisque haud dubito quin 8 primae origines proximaque originibus minus praebitura voluptatis 9 sint, festinantibus ad haec nova 10 quibus iam pridem praevalentis populi vires se ipsae conficiunt. Torii - Wikipedi Si pubblicano infine nelle Appendici II e III due note relative a Psello lettore dell’Organon e alla Praefatio alla traduzione latina di Ermolao Barbaro della Parafrasi agli Analitici posteriori di Temistio, che consentono di gettare uno sguardo sulla tradizione esegetica relativa agli Analitici posteriori di età bizantina e umanistica. con un’interrogativa indiretta (facturusne operae pretium sim) che è a sua volta l’apodosi di un periodo ipotetico della possibilità (la cui protasi è si a primordio urbis res populi Romani perscripserim). }|�}zK5��j�����Տ�����i�v5TC���8��겮j��7�.V��:oE*��2Y�k��b}�\����bu /���Ux���f�U���*�_��霚0����V�Ӄ3Q5W����j�V�d�뎬���hs?�~�Tڮj���? 23 imitere: è seconda persona singolare del congiuntivo presente (al posto di imiteris) di imitor, aris, imitatus sum, imitari, “imitare, riprodurre, essere simile”. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. La prefazione generale dell'opera (Ab urbe condita, Praefatio, 1-7)Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. 2 ausim: si tratta di un congiuntivo presente con valore potenziale del verbo audeo, es, ausus sum, ere, “osare”. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi … Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam… Categoria: Versioni Latino. LIVIO “Praefatio” (traduzione di M. Scandola) 1 Facturusne operae pretium sim, si a primordio urbis res populi Romani perscripserim, nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, 2 quippe qui cum veterem tum vulgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi … 29 Si noti il chiasmo “quanto rerum [A] minus [B], tanto minus [B] cupiditatis [A]”. ](߯��ׯ��7�O�����U���~�ޠ�]. Perciò quanti meno erano i beni, tanto meno era il desiderio [di possederli]. «Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. main page. LIVIO “Praefatio” (traduzione di M. Scandola) 1 Facturusne operae pretium sim, si a primordio urbis res populi Romani perscripserim, nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, 2 quippe qui cum veterem tum vulgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem <>>> All’inizio dell’opera, com’era consuetudine degli storici antichi, Livio inserisce un’introduzione programmatica, ovvero una praefatio estremamente densa in cui: [1] Facturusne operae pretium sim 1 si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim 2, [2] quippe qui 3 cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores 4 aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos 5 credunt. (traduzione di M. Scandola) 1 Facturusne operae pretium sim, si a primordio urbis res populi Romani perscripserim, nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, 2 quippe qui cum veterem tum vulgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. [8] Sed haec et his similia utcumque animadversa aut existimata erunt haud in magno equidem ponam discrimine: [9] ad illa mihi 20 pro se quisque acriter intendat animum, quae vita, qui mores fuerint, per quos viros quibusque artibus domi militiaeque et partum et auctum imperium 21 sit; labente deinde paulatim disciplina velut desidentes primo mores sequatur animo, deinde ut magis magisque lapsi sint, tum ire coeperint praecipites 22, donec ad haec tempora quibus nec vitia nostra nec remedia pati possumus perventum est. 4 0 obj 8), in quanto vuole che i lettori si concentrino sui costumi che testimoniano. [11] Del resto o mi inganna la passione per l’opera intrapresa o nessuno stato fu mai né più grande né più sacro né più ricco di buoni esempi, né ci fu una città in cui si insinuarono tanto tardi l’avidità e l’amore per il lusso, né in cui l’accontentarsi di poco e la parsimonia godettero di una considerazione tanto grande e così duratura. 32 Proprio nel momento in cui Livio rimarca ancora una volta la distanza con i generi poetici, il tono si fa più aulico e il lessico si arricchisce di termini legati alla sfera della religione. Vetus Latium Profanum In Quo Agitur De Tusculanis Et Algidensibus, Volume 8. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. [7] Sia concessa questa scusa all’antichità, di rendere, mescolando le vicende umane a quelle degli dei, più sacri gli inizi delle città; e se a qualche popolo è giusto concedere di rendere sacre le proprie origini e di rimandare agli dei come capostipiti, il popolo romano ha una tale gloria di guerra che, innalzando il potentissimo Marte a padre suo e del suo fondatore, i popoli della terra sopportano pazientemente anche questa convinzione tanto quanto ne sopportano il dominio. | No Comments. Anteprima 1 pagina / 4. (LA) « Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum. inizio: facturusne operae pretium sim,si a primordio urbis res populi Romani fine: inde foedum inceptu,foedum exitu,quod vites... ho bisogno della traduzione letterale (a dire il vero mi serve fino a metà ovvero fino a efficere posset),su internet trovo soltanto quelle libere [12] Nuper divitiae avaritiam et abundantes voluptates desiderium per luxum atque libidinem pereundi perdendique omnia invexere 30. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi … Università degli Studi di Cagliari. 1 Facturusne […] sim: è un’interrogativa indiretta retta dalla principale “nec satis scio”. 1] Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi … Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. [1] Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi … Ad eccezione di pochi lavori giovanili perduti, Tito Livio (59 a.C. - 17 d.C.) dedicò l’intera vita alla composizione di un’unica monumentale opera storiografica che mirava a raccontare l’intera storia di Roma dalla sua fondazione fino alla contemporaneità: i manoscritti la tramandano con il nome di Ab urbe condita libri, ma Livio la chiamava Libri oppure Annales. con un’interrogativa indiretta (facturusne operae pretium sim) che è a sua volta l’apodosi di un periodo ipotetico della possibilità (la cui protasi è si a primordio urbis res populi Romani perscripserim). [6] Non ho intenzione né di confermare né di respingere quelle leggende precedenti la fondazione - o il progetto della fondazione - di Roma, più consone ai discorsi dei poeti che a resoconti affidabili di fatti realmente accaduti. 25 Livio, rifacendosi all’ideale ciceroniano (cfr. 28 La paupertas è la capacità di accontentarsi di poco, l’autosufficienza, ed è perciò un valore; ad essa si contrappone l’egestas, che indica invece il bisogno estremo, l’assoluta povertà. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. PRAEFATIO. main page. L’opera infatti riprendeva il tradizionale schema annalistico della storiografia romana (secondo un modello in parte ripreso, ad esempio da Tacito nei suoi Annales) e raccontava quindi le vicende di Roma anno per anno: il progetto liviano era probabilmente quello di scrivere 150 libri e di arrivare a raccontare gli eventi fino alla morte di Augusto (14 d.C.), ma ne compose solo 142, fermandosi ai fatti del 9 a.C (morte di Druso) o, secondo altri, del 9 d.C. (battaglia di Teutoburgo). 1. « Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. Full text of Ueber die Dreiteilung Furtum rei Ipsius, Furtum Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum vulgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi … La traduzione proposta mira alla comprensione immediata in italiano piuttosto che al rispetto della lettera latina. [3] Comunque sia, sarà tuttavia utile essermi preso cura secondo le mie possibilità e in prima persona del ricordo delle imprese del popolo più importante del mondo; e se in una così gran folla di storici la mia fama fosse oscurata, mi consolerei con la nobiltà e la grandezza di quelli che metteranno in ombra il mio nome. Next / 262 / Vetus Latium Profanum In Quo Agitur De Tusculanis Et Algidensibus, Volume 8 I sette re di Roma $. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si … Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, 2. quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturos credunt. 2 0 obj Segue poi la proposizione reggente, con un verbo all’indicativo presente (nec satis Questi brevi passi sono tutti di facile lettura e costituiscono un piacevole esercizio di traduzione. Si tratta di un costrutto che Livio utilizza anche in seguito nella Prefazione. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, 2. quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi … 18 Martem: Romolo è considerato figlio di Marte e di Rea Silvia. stream 10 haec nova: ai lettori e alla storiografia coeva all’autore piace di più la narrazione delle vicende contemporanee, mentre Livio preferisce dedicarsi alla contemplazione del passato, rasserenante diversivo allo spettacolo triste della decadenza del presente. facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe 2. qui cum ueterem tum uolgatam esse rem uideam, dum noui semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi arte rudem uetustatem superaturos credunt. Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse rem videam, dum novi semper scriptores aut in rebus certius aliquid allaturos se aut scribendi …